Per la Trasparenza: Informative, Guide, link

INFORMAZIONI SUL SOGGETTO
DOMENICO MEMOLI – PLANETFIN di Domenico Memoli

Collaboratore del Mediatore Creditizio GE.SI Finance SPA
Iscritto presso l’elenco OAM n° M383

C.so Garibaldi 198 – 62012  Civitanova Marche MC
credito@planetfin.it  340/24.11.182     fax 0733/77.44.77
Pec:      planetfin@pec.it

Iscrizione IVASS già Isvap   nr 000250462 del 04/04/2008

Numero di iscrizione nel Registro delle Imprese: REA 157719
P.IVA: 02430220646

CARATTERISTICHE

È Mediatore creditizio il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V del TUB con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma (cfr. art. 128-sexies, comma 1, del TUB).

 

DOCUMENTAZIONE:
scaricabile in formato PDF. Se non si riesce ad aprire i file, è possibile scaricare il PDF reader da qui (vai alla pagina Adobe Reader) >>>

  Guida  Arbitro Bancario Finanziario

Risoluzione stragiudiziale delle controversie (Arbitro Bancario Finanziario)
www.arbitrobancariofinanziario.it   per saperne di piu’

  Tassi Soglia in vigore

pdf-icon
Guida: Il credito ai Consumatori (Banca d’Italia)

 

►  PLANETFIN
  Privacy Planetfin

  Certificato di Stipendio

►    GE.SI. Finance S.p.a. | Sede Legale – Via Sebino, 32 – 00199 Roma  P.IVA/C.F. 10930651004 Numero REA: 1265175 Mediatore creditizio, iscritto all’Oam con il n. M383 – Iscrizione Rui E 000413561

  Privacy , trasparenze, fogli informativi

IUDIZIALI DELLE CONTROVERSIE

Sito Ge.si. SPA

http://gesifinance.it/ 

 

 

 

NORMATIVA: LA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

 

FINANZIAMENTO CON RIMBORSO MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

Il finanziamento con rimborso mediante cessione dello stipendio applica – oltre alla normativa generale in materia di finanziamenti, di antiusura e di antiriciclaggio – il disposto degli artt. 1260 e seguenti del codice civile in materia di cessione dei crediti, nonche’ il Testo Unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti di cui al D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180 e successive modificazioni ed integrazioni, ed il regolamento attuativo approvato con D.P.R. n. 895/1950.

Tale forma di finanziamento e’ erogabile a dipendenti con stipendio fisso e continuativo, che abbiano superato il periodo di prova e siano iscritti nei ruoli effettivi dell’amministrazione, perche’ a loro volta risultano creditori nei confronti del proprio datore di lavoro dello stipendio mensile.

A fronte di un contratto tra lavoratore e finanziaria di cedere pro solvendo una quota della propria retribuzione, non superiore ad 1/5 della stessa al netto delle ritenute di legge e per una durata massima di 120 mesi, contratto che viene notificato al datore di lavoro nelle forme e per gli effetti di cui agli artt. 1264 e 1265 cod. civ., quest’ultimo e’ tenuto a trattenere tale quota e a versarla direttamente alla finanziaria fino al totale rimborso del prestito.

Il datore di lavoro e’ dunque obbligato solidalmente con il proprio dipendente-debitore principale nei confronti della finanziaria.

In un’ottica prudenziale, le aziende private dovranno possedere alcuni requisiti che garantiscano la solvibilita’ e la stabilita’ del rapporto di lavoro del dipendente finanziato.

L’art. 1 comma 137 della Legge n. 311/2004 (legge finanziaria 2005) a far data dal 1� gennaio 2005 ha espressamente esteso il D.P.R. n. 180/1950 anche ai dipendenti di soggetti privati.

Prima di procedere all’erogazione del prestito viene altresi’ costituito, quale garanzia, un vincolo sul trattamento di fine rapporto maturato, che in caso di cessazione del rapporto di lavoro verra’ devoluto integralmente alla finanziaria fino alla concorrenza del debito residuo.

Ulteriore garanzia, imposta obbligatoriamente ex lege dall’art. 54 del D.P.R. n. 180/1950 citato, e’ costituita dall’accensione di una polizza rischio vita, rischio perdita pecuniaria o credito che, prima della legge finanziaria 2005, per i dipendenti statali e pubblici veniva emessa esclusivamente e direttamente dall’INPDAP, mentre attualmente possono venire emesse anche da compagnie private; l’art. 1 comma 138 della Legge 311 del 30 dicembre 2004 ha, infatti, abrogato l’art. 34 del D.P.R. 180/1950, che prevedeva per i dipendenti statali che la garanzia dovesse essere prestata unicamente dall’INPDAP.

 

 FINANZIAMENTO CON RIMBORSO MEDIANTE DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 

Il finanziamento con rimborso mediante delegazione di pagamento applica – oltre alla normativa generale in materia di finanziamenti, di antiusura e di antiriciclaggio – il disposto degli artt. 1723, 2� comma e 1269 del codice civile, e consiste in un ordine irrevocabile del lavoratore dipendente al proprio datore di lavoro di trattenere una quota della sua retribuzione e di versarla direttamente alla finanziaria fino all’integrale rimborso del debito in essere.

Tale istituto e’ stato elaborato per consentire a un dipendente che abbia gia’ in corso una cessione del quinto dello stipendio, regolata dagli artt. 1260 e segg. cod. civ. e dal D.P.R. n. 180/1950, di potere accedere ulteriormente al credito mediante una trattenuta sulla sua retribuzione.

Per quanto concerne il regime dei tassi applicati, occorre sottolineare che a norma delle vigenti Istruzioni per la rilevazione del tasso effettivo globale medio ai fini della legge sull’usura della Banca d’Italia, Per le banche, gli intermediari finanziari iscritti nell’elenco generale di cui all’art. 106 del d. lgs. 385/93 degli intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale previsto dall’art. 107 del medesimo decreto legislativo (pubblicate nella G.U. n.200 del 29 agosto 2009) il TEG massimo applicabile ai fini antiusura per i prestiti contro delegazione di pagamento e’ quello dei prestiti contro cessione del quinto dello stipendio, in quanto considerati ”assimilati”, purche’ concorrano tutte le seguenti condizioni:

prevedano l’ordine incondizionato e irrevocabile al proprio datore di lavoro (ad esempio, mandato, delegazione) di pagare una quota dello stipendio direttamente al creditore;

abbiano durata compresa tra 18 mesi e 10 anni. Nei casi in cui il finanziamento sia effettuato ad un soggetto assunto a tempo determinato, la durata del finanziamento non puo’ superare la scadenza del contratto d’impiego;

abbiano ammontare compreso entro il quinto degli emolumenti al netto delle ritenute;

siano rivolti a dipendenti con stipendio fisso e continuativo, che abbiano superato il periodo di prova e siano iscritti nei ruoli effettivi dell’azienda;

siano assistiti da polizze assicurative analoghe a quelle previste nel D.P.R. n. 180/1950 idonee a garantire il recupero del credito (ad esempio polizze assicurative rischio vita, rischio perdita pecuniaria o credito).

Sussistendo tali requisiti, i prestiti contro delegazione di pagamento rientrano nella medesima categoria della Cessione del Quinto dello Stipendio e pertanto le spese per assicurazione in caso di morte, invalidita’, infermita’ o disoccupazione non rientrano nel calcolo del TEG purche’ siano certificate da apposita polizza, in quanto derivano dall’esclusivo adempimento di obblighi di legge.

Invece le altre operazioni di delega sono trattate alla stregua di un normale prestito personale.

Per quanto concerne i dipendenti statali, la Circolare della Ragioneria Generale dello Stato I.G.F. del 16 ottobre 1996, n. 63 e successive modificazioni e integrazioni ha stabilito che tali forme di finanziamento, poi definite delegazioni ”facoltative” o ”convenzionali” siano rilasciate a favore di uno degli istituti di cui all’art. 15 D.P.R. n. 180/1950 (istituti di credito, intermediari finanziari, societa’ di assicurazione, ecc.), nei limiti previsti dal citato Testo Unico n. 180/1950, e che venga stabilito preventivamente – mediante apposita convenzione tra l’amministrazione e gli istituti erogatori – l’onere da porre a carico di questi ultimi, pari al costo delle risorse umane ed informatiche impiegate.
Ogni operazione di delegazione comportera’ pertanto dei costi che la finanziaria dovra’ versare all’amministrazione per ottenere il rimborso delle quote mensili.

 

FINANZIAMENTO CON RIMBORSO MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE:

Il finanziamento con rimborso mediante cessione della pensione applica – oltre alla normativa generale in materia di finanziamenti, di antiusura e di antiriciclaggio – il disposto degli artt. 1260 e seguenti del codice civile in materia di cessione dei crediti, nonche’ il Testo Unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti di cui al D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180 e successive modificazioni ed integrazioni, con il regolamento attuativo approvato con D.P.R. n. 895/1950.

Tale forma di finanziamento e’ stata introdotta dall’art. 13-bis della L. n. 80/2005 di conversione del D.L. n. 35/2005 (c.d. decreto competitivita’), che ha integrato l’art. 1 del D.P.R. n. 180/1950 prevedendo che i pensionati pubblici e privati possono contrarre con banche e finanziarie prestiti da estinguersi con cessione di quote della pensione fino al quinto della stessa, fatto salvo l’importo corrispondente al trattamento minimo.

Possono essere cedute le pensioni o le indennita’ che tengono luogo di pensione corrisposte dallo Stato o dai singoli enti, gli assegni equivalenti a carico di speciali casse di previdenza, le pensioni e gli assegni di invalidita’ e vecchiaia corrisposti dall’Istituto nazionale di previdenza sociale, gli assegni vitalizi e i capitali a carico di istituti e fondi in dipendenza del rapporto di lavoro.

Come espressamente stabilito dalla legge, tali prestiti devono avere la garanzia dell’assicurazione sulla vita che ne assicuri il recupero del residuo credito in caso di decesso del mutuatario.

A fronte di un contratto tra pensionato e finanziaria di cedere pro solvendo una quota della propria pensione, non superiore ad 1/5 della stessa al netto delle ritenute di legge e per una durata massima di 120 mesi, contratto che viene notificato all’ente previdenziale nelle forme e per gli effetti di cui agli artt. 1264 e 1265 cod. civ., quest’ultimo e’ tenuto a trattenere tale quota e a versarla direttamente alla finanziaria fino al rimborso totale del prestito in corso.

 

ELENCO NORMATIVE DI RIFERIMENTO

Artt. 1260 – 1267 codice civile: Libro IV – Delle obbligazioni – Capo V della cessione dei crediti

Artt. 1268 – 1276 codice civile: Capo VI della delegazione, dell’espromissione e dell’accollo

D.Lgs.n. 385/93 – Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia

L. 108/96 , come modificata dal D.L. 70/2011 – Disposizioni in materia di usura

DPR n. 180/50 e successive modifiche e integrazioni – Testo Unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni (Disciplina della cessione del quinto dello stipendio)

DPR n. 895/50 – Regolamento di attuazione del DPR n. 180/50

D.Lgs. n. 374/99: Estensione delle disposizioni in materia di riciclaggio dei capitali di provenienza illecita ed attivita’
finanziarie particolarmente suscettibili di utilizzazione a fini di riciclaggio, a norma dell’articolo 15 della legge 6 febbraio 1996, n. 52

D.P.R. n. 287/2000 in materia di mediazione creditizia

D.M. 13/12/2001 n. 485: Regolamento emanato ai sensi dell’articolo 3 del decreto legislativo 25 settembre 1999, n. 374, in materia di agenzia in attivita’ finanziaria

D.Lgs. 196/2003 (TU Privacy): Codice in materia di protezione dei dati personali

L. 30/12/2004 n. 311- Modifiche al DPR 05/01/1950 n. 180: ”Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005)”

L. 14 Maggio 2005 n. 80 – Modifiche al DPR 05/01/1950 n. 180: Conversione in legge del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, recante disposizioni urgenti nell’ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale

D. M. 313/2006 – Regolamento di attuazione dell’art. 13 bis della Legge n. 80/2005 (Disciplina della cessione del quinto della pensione)

D.Lgs. n. 141/2010 e successive modificazioni ed integrazioni – Attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori, nonche’ modifiche del titolo VI del Testo Unico Bancario in merito alla disciplina dei soggetto operanti nel settore finanziario, degli agenti in attivita’ finanziaria e dei mediatori creditizi.

Banca d’Italia – Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti (Testo sostituito dal provvedimento del 9.2.11 sul credito ai consumatori).

Circolare Ministero Tesoro n. 46 del 08/08/1995 – Ritenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici.

Circolare Ministero Tesoro n. 63 del 16/10/1996 – Ritenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici

Circolare Ministero Economia e Finanze n. 37 del 05.09.2003 – Ritenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici

Circolare Ministero Economia e Finanze n. 21 del 03.06.2005 – Cessione del quinto dello stipendio ex D.P.R. n. 180/1950 come modificato dall’articolo unico comma 137 e 138 della legge 30 dicembre 2004 n. 311 (Legge Finanziaria 2005)

Circolare Ministero Economia e Finanze n. 13 del 13.03.2006 – Cessione del quinto dello stipendio ex D.P.R. n. 180/1950 come modificato dall’articolo unico comma 137 e 138 della legge 30 dicembre 2004 n. 311 (Legge Finanziaria 2005). Modifiche ed integrazioni

Circolare Ragioneria Generale dello Stato n. 1 del 17.01.2011 – Trattenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici mediante l’istituto della delegazione – Oneri a carico degli istituti delegatari – Istruzioni operative

Circolare Ragioneria Generale dello Stato n. 20 del 20.10.2011 – Trattenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici operate mediante l’istituto della delegazione e gestite attraverso il sistema Service Personale Tesoro – Oneri a carico degli istituti delegatari – Chiarimenti – Indicazioni relativamente agli stipendi gestiti con sistemi diversi dal sistema Service Personale Tesoro